recensione: Shining Line – Shining Line

Shining Line

Voto:★★★★★★★★★☆ 

Artista: Shining Line
Titolo:
Shining Line
Genere:
Melodic Rock / Aor
Anno di uscita:
2010
Etichetta:
Avenue of Allies / Frontiers Records

Chiudete gli occhi e provate ad immaginare di essere seduti di fronte ad un palco in cui, tra suoni ricercati e melodie stregate, la voce di Michael Voss (Mad Max, Casanova, Demon Drive) si abbraccia alla chitarra di Vinny Burns (Dare, Ten) o provate a percepire i brividi quando, dopo un intenso assolo strumentale, fa la comparsa LA voce graffiante e potente di Michael Bormann o ancora lasciate che il vostro cuore si apra sulle note di un pezzo in cui la voce di una strepitosa Robin Beck entra dritta dritta come una freccia.
Ora immaginate di aprire gli occhi e di ritrovarvi tra le mani un disco che se ascoltato vi fa provare esattamente queste sensazioni… e molte altre ancora.

Questo disco ha un nome,  Shining Line, ovvero il sogno di Pierpaolo “Zorro11″ Monti.  Infatti dietro al progetto Shining Line troviamo le menti creative degli Italiani Piepaolo Monti (ex batterista dei Sovversivo) e di Amos Monti (bassista).

Una sorpresa perchè sinceramente poco conoscevo i “due Monti;-) e perchè nell’album si trova racchiusa l’essenza di ciò che, in termini di artisti e sonorità, meglio può spiegare cosa sia il Rock Melodico.
Allora richiudiamo gli occhi e iniziamo anche noi questo sogno…

LE CANZONI

Un suono quasi alieno che si fonde con la tastiera ci introduce in Highway Of Love che ben presto si trasforma in un pezzo rock incalzante e dove la voce prepotente di Erik Martensson (Eclipse, W.E.T.) ben si adatta al grande ritmo di questo primo pezzo da brividi.  Piccola nota sull’assolo di chitarra di Tank Palamara (The Lovecrave, Oxido) tanto perfetto ed in sintonia con il pezzo da rischiare quasi di perdersi… eccezionale!
Non mi sono ancora ripreso che già entra in tiro Amy, Aor pregevole e gratificante su cui un Harry Hess (Harem Scarem, First Signal) ispirato tesse una perfetta intesa tra voce e melodia. Azzeccato il “gioco” voce / chitarra sui 3/4 del pezzo.
Ho particolarmente apprezzato l’ultimo lavoro dei Blanc Faces e ritrovarmi sulle note di Strong Enough la bella voce di Robbie LaBlanc (Blanc Faces) che Spara degli acuti stratosferici vale già da sola l’ascolto di questa canzone. Aggiungiamo a questo la carica adrenalinica che riesce a trasmettere questo pezzo, anche grazie alla prova alla chitarra dell’italiano Tommy Ermolli (Khymera, Prime Suspect), e ne otteniamo una delle più belle canzoni dell’album.
Heaven’s Path è una chicca, pezzo strumentale che vede alla tastiera il sempre bravissimo e direi sempre disposto a dare una mano in ogni progetto (vedi anche F.e.a.s.t. di Fabri Kiareli) Alessandro Del Vecchio.
Heaven’s Path è l’ottima prequel per quel Paradiso che arriva con la seducente ed emozionante Heat Of The Light dove Robin Beck regala una delle sue migliori prove vocali che io ricordi. Liberi di lasciarvi sfuggire una lacrima sulle sue note, veramente bella ed intensa.
Dopo tanto phatos è bello ritrovare Mikael Erlandsson (Last Autumn’s Dream, Salute) con il suo inconfondibile timbro vocale ed in questo caso con un ottimismo che fa da contraltare all’intensità del precedente pezzo. Can’t Stop The Rock è vitale e dove non può la voce ci pensa la chitarra affidata al poliedrico Michael Voss a regalare anima e spirito a questo travolgente pezzo.
Imperdibile anche la prova vocale di Michael Shotton (Von Groove, Airtime) che regala il più bel ritornello presente nell’album sulle note di The Meaning Of My Lonely Words, melenso, ruffiano e sdolcinato pezzo di buon Aor.
Entrata eterea per The Infinity in Us che lascia il posto al Rock dettato dalla voce magica come sempre di Michael Voss. C’è tutto quello che si può volere da un pezzo Rock, rabbia, cattiveria, e quella grande voglia di lottare che solo una perfetta fusione tra la voce di Michael Voss e la chitarra di Vinny Burns possono regalare. L’assolo di chitarra poi completa “la magia”.
Bob Harris (Axe, Edge Of Forever) presta la sua voce, in accoppiata con Sue Willets (Dante Fox), alla successiva Still In Your Heart… altro pezzo dalla forte carica ed intensità… altro successo di questo disco. Riuscita anche la prova di Tim Manford alla chitarra.
Homeless’ Lullaby irrompe veloce nei nostri timpani e Ulrich Carlsson (M.ill.ion) con la sua voce roca crea ancora una volta l’alchimia che sembra seguire ogni pezzo di questo disco sempre sopra le righe.
Follow The Stars torna su tematiche prettamente Aor e la voce tanto anni 80 di Phil Vincent (Tragik, Circular Logik) ed il malinconico ritornello fanno da macchina del tempo e ci riportano di almeno 25 anni indietro… nostalgico, ma bello. ;-)
Unbreakable Wire è un altro pezzo rock carico di adrenalina e la voce “cattiva” di Brunorock ben si adatta a questo stile.
Con il prossimo pezzo si avvia la chiusura del disco affidata ad un trio di pezzi che regalano un’opera nell’opera.
Si parte sulle note soffuse ed intime di Under Silent Walls – Part I Blossom: From Night To Dawn che ci fa scoprire la chitarra di Marco Tansini (Big Sur) e serve da introduzione alla splendida Under Silent Walls – Part II Alone in cui LA Voce Michael Bormann ci strega con una prova fuori dal comune. Il pezzo è di per se pieno di intensità e molto emotivo, associato alla voce di Bormann diventa una bomba che fa letteralmente venire i brividi.
L’album si conclude con Under Silent Walls – Part III Epilogue: Death Of Cupid che sa tanto di “titoli di coda”, comunque un bel pezzo strumentale.

IN CONCLUSIONE

Non sono sicuro di voler conoscere personalmente Pierpaolo Monti, perchè se con così tanti artisti coinvolti non si trova neppure un minimo calo vuol dire che o il materiale su cui hanno lavorato era veramente valido o altrimenti si trovavano sotto seria minaccia personale… ;-)
Scherzi a parte, l’album è già uscito da qualche mese, ma ci tenevo a recensirlo proprio per l’alta qualità sia dei pezzi e delle interpretazioni degli artisti coinvolti, veramente una delizia per le nostre orecchie.
A tutto questo aggiungiamo che è un altro progetto, dopo i F.e.a.s.t. di Fabri Kiareli, che mette in mostra i veri Talenti che ci sono qui in Italia in ambito musicale e mi riferisco in primis a Pierpaolo Monti, ma anche a Amos Monti e Alessandro Del Vecchio che hanno partecipato al progetto dando prova di grande professionalità.
Ormai quando mi chiedono un album per capire cos’è l’Aor o il Rock Melodico consiglio questo primo progetto degli Shining Line. C’è veramente tutto quello che un appassionato del genere potrebbe desiderare.
Se proprio vogliamo trovare un appunto potrebbe essere al massimo la poca originalità che traspare qua e la nell’album, ma direi che questo è proprio voler trovare un punto negativo, perchè per il resto è tutto veramente di grande qualità.
Un applauso quindi a Pierpaolo Monti che con tanta passione è riuscito a mettere insieme una delle più belle sorprese che ci ha regalato questo 2010 in ambito Aor e Melodc Rock.
Ultima nota personale… peccato solo che siamo in Italia e purtoppo saranno sicuramente meno di quelle che l’album meriterebbe le persone che si accorgeranno di questo splendido lavoro.

TRACKLIST:

01. Highway Of Love *
02. Amy
03. Strong Enough *
04. Heaven’s Paths (strumentale)
05. Heat Of The Light *
06. Can’t Stop The Rock *
07. The Meaning Of My Lonely Words *
08. The Infinity In Us *
09. Still In Your Heart *
10. Homeless’ Lullaby *
11. Follow The Stars (Bonus Track Europea) *
12. Unbreakable Wire
13. Under Silent Walls – Part I Blossom: From Night To Dawn (strumentale)
14. Under Silent Walls – Part II Alone (Lead vocals: Michael Bormann) *
15. Under Silent Walls – Part III Epilogue: Death Of Cupid (strumentale)

* migliori canzoni

FORMAZIONE FISSA:

Pierpaolo “Zorro11″ Monti – batteria
Amos Monti – basso
Alessandro Del Vecchio – seconda voce e tastiere
Mario Percudani – chitarra

ARTISTI OSPITI:

Bob Harris (Axe, Edge Of Forever)
Brian LaBlanc (Blanc Faces)
Brunorock
Carsten “Lizard” Schulz (Evidence One, Domain, Midnite Club)
Douglas R. Docker (Biloxi, Docker’s Guild)
Elisa Paganelli
Enrico Sarzi (Midnite Sun)
Erik Martensson (Eclipse, W.E.T.)
Frank Law (The Pythons)
Gabriele Gozzi (Markonee)
Graziano “Il Conte” De Murtas (Wine Spirit)
Ivan Varsi
Harry Hess (Harem Scarem)
Jacopo Meille (Tygers Of Pan Tang, Mantra, Fool’s Moon)
Johan Bergquist (Elevener, M.ill.ion)
Josh Zighetti (Hungryheart)
Luke Marsilio (Lizhard)
Marco Tansini (Big Sur)
Marco Sivo (Planethard)
Marko Pavic
Matt Albarelli (Homerun)
Matt Filippini (Moonstone Project)
Michael Bormann (Rain, Charade, Jaded Heart, The Trophy, Redrum, Zeno)
Michael Shotton (Von Groove, Airtime)
Michael T. Ross (Hardline, Lita Ford, Angel)
Michael Voss (Mad Max, Voices Of Rock, Casanova, Demon Drive)
Mikael Erlandsson (Last Autumn’s Dream, Salute)
Phil Vincent (Tragik, Circular Logik)
Robbie LaBlanc (Blanc Faces)
Robin Beck
Sue Willetts (Dante Fox)
Tank Palamara (The Lovecrave, Oxido)
Tim Manford (Dante Fox)
Tommy Ermolli (Khymera)
Ulrich Carlsson (M.ill.ion)
Vinny Burns (Dare, Ten, Asia)
Walter Caliaro (Edge Of Forever)

LINK

http://www.myspace.com/shiningline

Bookmark and Share
Questo articolo è stato pubblicato in recensioni
e ha le etichette , , ,

14 Commenti

  1. Andrea Vizzari
    Pubblicato 25/10/2010 alle 03:45 | Link Permanente

    Ottima recensione, grandissimo album e tutto made in italy. Il nostro paese ultimamente sta dando grande soddisfazioni specialmente in ambito melodico e pierpaolo ha centrato in pieno l’obiettivo.

    Di solito c’è preoccupazione quando si parla di progetti con vari cantanti e musicisti messi insieme: c’è il rischio di non trovare il sound giusto che si adatti a quel timbro di voce magari allontanandosi dal sound della band madre di cui il cantante in questione fa parte con di conseguenza una notevole perdita di omogeneità.

    Questo album fa però eccezione: grandi performance, ottimo songwriting, ottime melodie e album che merita dall’inizio alla fine.

    Tra gli Edge of Forever di Del Vecchio (che sta praticamente dovunque, per fortuna), Shining Line, Moonstone Project, Khymera di Liverani e Tommy Ermolli che adesso hanno abbandonato questo progetto in favore di un altra nuova band i Prime Suspect, l’Italia ha solo di essere orgogliosa dei musicisti che possiede

  2. Pubblicato 25/10/2010 alle 10:39 | Link Permanente

    Concordo pienamente, poi questo Shining Line è stato per me quando è uscito una vera sorpresona… ho recensito anche il recente Phenomena, dove però non si è riusciti a raggiungere la stessa perfezione e alcune performance sono state un pò deludenti.

    Qui invece tutti hanno dato veramente prova di grande professionalità ed il fatto che sia un prodotto targato Italia non fa che aumentare la gioia nell’ascoltarlo ;-)

  3. Sobieski
    Pubblicato 26/10/2010 alle 22:44 | Link Permanente

    Confermo, CD spettacolare. Quando corro ascoltando con Highway of Love e Strong Enough nell’ ipod vado il doppio più veloce ;-)

  4. Pubblicato 26/10/2010 alle 23:39 | Link Permanente

    E’ bello vedere che non sono l’unico che corre con Highway of Love e Strong Enogh nelle orecchie.
    Già che siamo in tema prova ad ascoltare anche i due Voices of Rock, non tutti i pezzi sono all’altezza, ma c’è comunque del buon materiale adrenalinico che “aiuta le gambe”.

  5. Andrea Vizzari
    Pubblicato 28/10/2010 alle 21:55 | Link Permanente

    Il primo voices of rock secondo me si mangia vivo il secondo..Voci più di spicco e a mio avviso canzoni migliori…vedi phoenix rising (gioieli) IRRESISTIBLE (hess), nightingale (brock)… Il secondo non è male ma come qualità del songwriting siamo a qualche livello inferiore

  6. Andrea Vizzari
    Pubblicato 28/10/2010 alle 21:57 | Link Permanente

    Ps: io quando corro (corro anche io embè) appena mi parte una qualsiasi, e ripeto una qualsiasi degli H.E.A.T vado in trance…sono la new band del momento..

  7. Zorro11
    Pubblicato 03/11/2010 alle 15:18 | Link Permanente

    Ciao ragazzi,

    volevo ringraziarvi infinitamente tutti per i magnifici commenti relativi al mio progetto Shining Line… grazie di cuore! Rock on!

  8. Pubblicato 03/11/2010 alle 15:26 | Link Permanente

    Zorro11, che piacere averti su queste pagine… sul tuo progetto Shining Line c’è poco altro da aggiungere se non che hai regalato all’Italia (e non solo ;-) ) un Capolavoro di cui possiamo andare fieri!

  9. Pubblicato 05/11/2010 alle 10:41 | Link Permanente

    Il piacere è tutto mio Denis!!!!

    Io ho cercato semplicemente di fare quello che ogni fans avrebbe sognato: mettere in piedi un album in cui coinvolgere i propri idoli di sempre. Non per soldi (visto che difficilmente rientreremo del notevole investimento economico), fama o cavolate simili, ma solo per vedere, in un qualsiasi negozio di dischi, il proprio album posto accanto ai dischi di coloro che hanno da sempre fatto contorno alla mia vita con la loro musica… questo è il vero e proprio motivo principe che mi ha spinto ad imbarcarmi in un’avventura del genere! ;)

    Grazie a tutti!! Rock on!!

  10. Etrusco
    Pubblicato 01/03/2011 alle 23:00 | Link Permanente

    Miglior album del 2010.

  11. Andy'71
    Pubblicato 01/06/2013 alle 15:11 | Link Permanente

    Album di una bellezza imbarazzante,e chissà quale mole di lavoro avrà richiesto il comporlo,suonarlo con tutti questi ospiti fantastici…..Davvero il nostro paese ci stà dando soddisfazioni immense in un genere quale a.o.r. e l’hard melodico,che fino ad una manciata di anni fà,salvo rari episodi ,era appannaggio di band d’oltre oceano,nord europee ed inglesi….Grandi Shining Line,continuate così!

  12. Zorro
    Pubblicato 01/06/2013 alle 18:25 | Link Permanente

    Anche qui… grazie Andy! :D

  13. Loris
    Pubblicato 21/04/2014 alle 18:34 | Link Permanente

    Oggi me lo sono riascoltato………che dire………CAPOLAVORO!!!!
    A quando un secondo episodio??
    :)

  14. Zorro
    Pubblicato 15/05/2014 alle 10:57 | Link Permanente

    Spero presto Loris… tutto dipende dal discorso economico, che attualmente purtroppo per noi non è florido…

    Nel frattempo… tenete d’occhio il nuovo progetto Room Experience in cui siamo coinvolti!

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

  • sponsorizzati

o seguici su Facebook

MelodicRock.it è un progetto di
W studio design